Natale: A tu per tu per un “sì”

Cara amica, caro amico, oggi è Natale! Vorrei farti conoscere la verità sulla festa cristiana. È una proposta. Ti chiedo di leggerla. Solo qualche minuto del tuo tempo. Premessa Inizierei dicendoti che si tratta di un evento di cui hanno parlato tantissimi storici. Nonostante la cronografia dell’epoca ci presenti dei …

“Da dove nasce la felicità?”: commento al Vangelo della solennità di tutti i Santi

1 Vedendo le folle Quante volte veniamo guardati e non capiti? Siamo stanchi di sguardi superficiali, distratti o ambigui. Vorremo qualcuno che guardandoci fosse capace di dirci le parole dense, che si incastrino negli anfratti della nostra esistenza. Ognuno di noi è figlio di una storia, un cammino incompiuto, fatto …

“Il caldo cocente e il ristoro dell’acqua fresca”: commento al Vangelo di domenica 28 giugno

La guerra giudaica tra l’Impero Romano e i ribelli ebrei era terminata con la distruzione del tempio di Gerusalemme. Il giudaismo, duramente colpito, si aggrappa alle sue radici, o meglio ancora alle radicalizzazioni culturali, morali e religiose. Il Vangelo di Matteo è rivolto proprio a questi giudeo-cristiani, esclusi, cacciati e …

“Sotto il segno dell’Infinito”: commento al Vangelo della Domenica della SS. Trinità

Tra le memorie della comunità giovannea emerge la figura di un certo Nicodemo, un fariseo, osservante della legge. Fu avvicinato dai segni che il Nazareno aveva compiuto a Gerusalemme. I segni, in riferimento al termine greco scelto dai redattori, erano chiaramente ritenuti quali “manifestazioni del divino” (τὰ σημεῖα). Si tratta …

“Uscite dalla paura!”: commento al Vangelo della domenica di Pentecoste

Le strade di Gerusalemme erano molto affollate durante lo Shavu’ot. Si tratta della Festa delle Settimane, ossia la celebrazione ebraica in cui si ricorda la rivelazione della Torah a Mosè e agli Israeliti sul Monte Sinai, quarantanove giorni (sette settimane) dopo l’Esodo dall’Egitto, ed insieme si commemora la raccolta del …

“Un Oltre che ci raggiunge nella nostra paura”: commento al Vangelo della V domenica di Pasqua

Il discorso di Gesù di Nazareth che leggiamo questa domenica, viene collocato dalla comunità giovannea, nel contesto dell’ultima cena. Parole di addio, parole fondamentali, pietre miliari della predicazione del Vangelo. «Non sia turbato (tarassestho) il vostro cuore» (Gv 14,1a). Nel versetto precedente l’apostolo Pietro aveva promesso di seguire il suo …