“Il caldo cocente e il ristoro dell’acqua fresca”: commento al Vangelo di domenica 28 giugno

La guerra giudaica tra l’Impero Romano e i ribelli ebrei era terminata con la distruzione del tempio di Gerusalemme. Il giudaismo, duramente colpito, si aggrappa alle sue radici, o meglio ancora alle radicalizzazioni culturali, morali e religiose. Il Vangelo di Matteo è rivolto proprio a questi giudeo-cristiani, esclusi, cacciati e …

“Sotto il segno dell’Infinito”: commento al Vangelo della Domenica della SS. Trinità

Tra le memorie della comunità giovannea emerge la figura di un certo Nicodemo, un fariseo, osservante della legge. Fu avvicinato dai segni che il Nazareno aveva compiuto a Gerusalemme. I segni, in riferimento al termine greco scelto dai redattori, erano chiaramente ritenuti quali “manifestazioni del divino” (τὰ σημεῖα). Si tratta …